GAS Faenza Esiste sempre una via più semplice ed una più bella.
I principi

Consumare e fare la spesa non possono essere vissuti come fatti banali che riguardano solo noi, i nostri gusti, le nostre voglie, il nostro portafoglio, il nostro diritto a non essere imbrogliati. Il consumo è tutt’altro che un fatto privato, e non può essere affrontato badando solo al prezzo o alla qualità. Il consumo è un fatto che riguarda tutta l’umanità, perché dietro a questo nostro gesto quotidiano si nascondono problemi di portata planetaria di natura sociale, politica e ambientale.

Il Gruppo di acquisto solidale è il luogo in cui più persone possono ritrovare il gusto di unire energie e soluzioni per acquistare insieme prodotti locali, a ciclo di produzione ecocompatibile, a prezzi accessibili. Vivere in modo conviviale l’acquisto di alcuni prodotti alimentari è un modo efficace per uscire da una logica puramente mercantile, per entrare in una logica di conoscenza e di incontro.

SCEGLIAMO PRODOTTI LOCALI

i trasporti : ridurre l’inquinamento, il consumo di energia ed il traffico per il trasporto della merce;

la conoscenza : ricerca di un contatto diretto con i produttori, avere la possibilità di visitare l’azienda e conoscere i modi di produzione, in particolare per la questione della certificazione del biologico: la conoscenza e la fiducia possono valere più di un certificato?

la cultura : preferire prodotti e tecniche di coltivazione propri della nostra tradizione culturale;

Eccezioni: 1) produttori etici svantaggiati, sebbene lontani (es. commercio equo-solidale); 2) produttori ad alta valenza etica; 3) nel caso il costo del prodotto locale sia troppo elevato rispetto ai normali standard.

PRIVILEGIAMO I PICCOLI PRODUTTORI

conoscenza : il piccolo produttore si può conoscere più facilmente, si può creare un contatto diretto;

occupazione : i piccoli produttori sono, in generale, ad elevata intensità di manodopera;occupazione;

emergenza-sostegno : aiutare piccoli produttori svantaggiati e penalizzati dalla concorrenza delle grandi aziende. Attenzione rivolta anche a produttori che,rispondendo agli altri principi del Gas, si trovassero in difficoltà in una stagione.

SCEGLIAMO PRODOTTI BIOLOGICI ED ECOLOGICI

certificazione biologica : la certificazione è da considerarsi una garanzia. La NON – CERTIFICAZIONE è accettabile se c’è una conoscenza diretta con il produttore (e quindi un rapporto di fiducia) e se si possiede una reale competenza nel valutare i metodi di produzione. Anche per la certificazione di LOTTA INTEGRATA è fondamentale una approfondita ricerca e conoscenza da parte di competenti nel settore;

basso impatto ambientale : per quei prodotti per i quali non c’è un sistema di certificazione biologica comunque preferire quelli a minor impatto ecologico;

imballaggi : se il prodotto locale può contribuire alla riduzione dell’imballaggio, quello proveniente da lontano lo può richiedere: scegliere comunque quelli con minori imballaggi.

ATTENZIONE ALLE CONDIZIONI DI LAVORO

il lavoro : privilegiare la legalità. Dove si pone il problema del “lavoro nero” verificare che le retribuzioni siano adeguate e soprattutto nel caso di lavoratori stranieri assicurarsi che non vi sia alcuna forma di sfruttamento/ricatto.

IL PREZZO

• il Gas non viene inteso semplicemente come strumento per abbattere i costi. Si riconosce che “la qualità va  giustamente pagata“, da combinare comunque con una sostenibilità del prezzo rispetto alle possibilità/propensioni economiche delle famiglie.

IL GUSTO

• Scegliere prodotti che soddisfino il palato. Protagonista deve essere il gusto e non l’occhio.

Commenta

Devi essere registrato per commentare.